Il volontariato organizzato

Standard

Sarebbe molto utile trovare il modo di utilizzare le risorse dei giovani e degli immigrati in cerca di un impiego nei servizi sociali a supporto delle famiglie.
I problemi che gli enti locali devono risolvere senza averne spesso i mezzi sono relativi all’assistenza di persone non autosufficienti, alla sicurezza stradale e civile, alla tutela del territorio , all’istruzione permanente.
Questi problemi così urgenti si possono affrontare se si trasformano i disoccupati in una risorsa per la comunità: è un approccio sostenibile se lo si affronta sul piano nazionale in termini di principi generali, sul piano locale in termini di gestione.
Dobbiamo pensare ad una legge nazionale che sostituisca la vecchia leva obbligatoria senza riaprire le caserme, ma dando ai giovani la possibilità di scegliere, per alcuni mesi, tra addestramento militare, servizio di supporto alla sicurezza stradale,servizi per la tutela dell’ambiente, servizio per l’assistenza ad anziani ed invalidi, servizio come educatori o insegnanti per la lotta contro l’analfabetismo di ritorno (avendone le competenze). Allo stesso modo si dovrebbero coinvolgere gli immigrati senza lavoro che fossero disposti a mettersi a disposizione per la tutela del territorio e la manutenzione delle infrastrutture pubbliche.
Questi interventi avrebbero un costo molto basso e permetterebbero notevoli risparmi alle famiglie e alle amministrazioni nel medio periodo

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...