Le carceri

Standard

Un’indagine  nelle carceri italiane afferma che “L’opinione pubblica si è convinta che l’indulto sia stato un fallimento, ma lo studio dei tassi di recidiva dei detenuti rimessi in libertà ci dice l’esatto contrario: sono scesi al 27 per cento, contro il 68 per cento riferibile al periodo di sette anni precedente l’indulto.Si tratta di un calo superiore al 50%” (Citato da Roberto Malini sul sito “prospettiva legale”)
Se a questi dati aggiungiamo quelli sugli stupri (pare che il 50% dei giovani li debba subire) , sui suicidi (53 detenuti in un anno),sul sovraffolamento (142,5% secondo l’associazione Antigone), non ci sono dubbi che si debbano trovare misure alternative al carcere.
Allora siccome la Costituzione all’art. 27 prescrive che nessuno può essere considerato colpevole fino a condanna definitiva, è decisamente necessario applicare misure alternative al carcere almeno per chi è in attesa di giudizio e per chi è stato condannato per la prima volta in primo grado.
Un’ipotesi che mi torna spesso in mente è quella di attrezzare le ex caserme a centri di studio e di lavoro per detenuti non recidivi in attesa di giudizio e di condanna definitiva. E’ una soluzione che permetterebbe di decongestionare le carceri senza rimettere in libertà tutti e quindi più praticabile dell’indulto sul piano politico.
La spesa non sarebbe eccessiva se si considera il risparmio che in alcuni anni si potrebbe poi avere riguardo i costi per la repressione del crimine e per i danni evitati grazie alla diminuzione dei reati.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...