Rottamare

Standard

30092009006

sono da anni appassionato di restauro di moto d’epoca e voglio fare alcune considerazioni contro la furia, che di sacro non ha niente, dei rottamatori.
Non solo i veicoli storici sono marginali dal punto di vista quantitativo sul piano dell’inquinamento, ma si deve ricordare che spesso hanno anche consumi contenuti, perchè la filosofia di un tempo era quella di “fare economia”.
In particolare le moto d’epoca, soprattutto quelle di fabbricazione italiana, hanno consumi ridottissimi (spesso da 30 a 50 km/litro), per cui davvero non si capisce quale danno ambientale possano fare.
Al contrario, a chi le usa e a chi le riconosce, ricordano che ci si può muovere in un modo che rispetta meglio lo spazio perchè hanno dimensioni pù ridotte, si può guidare consumando meno e di conseguenza limitando le emissioni, si possono portare i passeggeri su un piano di “parità” e di rispetto, se confrontiamo la posizione di chi siede dietro su una moto di oggi rispetto ad una moto di ieri.
Conservare oggetti d’epoca , oltre a far vivere in una condizione di maggiore consapevolezza circa la propria identità, aiuta anche a capire che spesso le innovazioni nei prodotti non sono fatte per soddisfare un bisogno del cliente, ma per ridurre i costi ed aumentare i prezzi, anche a scapito della godibilità dell’oggetto.

Michele Partesotti